Alla conquista della Val di Luce

Ottobre 16, 2018
Commenti disabilitati su Alla conquista della Val di Luce

Quest’anno abbiamo deciso di fare delle belle camminate partendo dalla Val di Luce, luogo incantato nel cuore dell’Appennino Tosco-Emiliano. Siamo rimasti a dormire per due week end (il primo a luglio e il secondo ad agosto) prima in un appartamento e la volta successiva presso l’hotel I Pionieri. La scelta è variegata ed è possibile trovare soggiorno ad ottimi prezzi grazie alle agenzie immobiliari presenti in zona.

*La Val di Luce, a pochi chilometri dall’Abetone è nella parte più settentrionale ed elevata della Provincia di Pistoia ed è circondata da alcune delle vette più alte della toscana: A Sud, la testata della valle è dominata dal monte Alpe Tre Potenze, alto 1940 metri s.l.m.; a Est il suo versante destro è delimitato dal crinale che si distacca dall’Alpe Tre Potenze e che prosegue verso Nord attraverso il Passo della Vecchia, il Monte Dente della Vecchia, il Passo della Fariola, il Monte Gomito, alto metri 1892 s.l.m., e che digrada poi verso i paesi di Faidello e Dogana Nuova, nella valle modenese del torrente Scoltenna, nel Frignano; a Ovest il suo versante sinistro è delimitato dal crinale che la separa dalla valle modenese delle Tagliole, percorsa dal torrente omonimo, crinale che fa anche da confine tra la Toscana e l’Emilia-Romagna; a Nord, la valle sbocca nella Valle dello Scoltenna, presso il paese di Fiumalbo e la strada statale 12 dell’Abetone e del Brennero. Dai 1940 metri s.l.m dell’Alpe Tre Potenze, presso la testata, fino all’immissione del Rio delle Pozze nello Scoltenna, a 1027 metri s.l.m., la Val di Luce presenta un dislivello di 913 metri ed una lunghezza di circa 8 km. Sotto la quota di circa 1550 metri s.l.m. la Val di Luce è coperta da boschi cedui e di alto fusto prevalentemente di faggio, poi di abete rosso ed abete bianco, nonché di acero di monte; oltre tale altezza, la vegetazione arborea cessa e s’incontrano estesi vaccinieti e brughiere di alta quota, prati-pascoli alternati a rocce affioranti nonché, nella parte più bassa, a pozze d’acqua ed acquitrini: tra essi spicca, proprio sotto la cime dell’Alpe Tre Potenze, il Lago Piatto

*FONTE WIKIPEDIA

Tutto questo è percorribile grazie ai tantissimi sentieri segnalati del CAI. Ci siamo messi d’impegno e in due weekend, sopratutto percorrendo il sentiero 00, siamo riusciti a dominare tutte vette che circondano questo luogo dalla natura splendida arrivando fino al lago turchino sotto il monte Rondinaio e il Monte Giovo (Emilia Romagna), a pochi km dal lago Santo e dal lago Baccio.

La Val di Luce è luogo di partenza che consiglio a tutti gli manti della montagna, agli amanti del trekking, ma anche agli amanti del relax. Perfetto anche per famiglie e “baby trekking”! A me personalmente infonde una pace interiore e una serenità che pochi altri luoghi mi hanno trasmesso.

 

 

Related Posts